BIOS_Logo

Diagnosi precoce per il melanoma

È indiscutibile che, soprattutto in assenza di sintomi o di dubbi, sarebbe opportuno fare un esame alla cute almeno una volta all’anno, è sicuro per confermare l’assenza di problemi, come per programmare un eventuale intervento se si presentassero. Intervenire tempestivamente significa evitare potenziali tumori della pelle come il melanoma. La diagnosi precoce rappresenta, quindi, l’arma più efficace nella lotta di questo tumore, se riconosciuta in tempo, infatti, questa malattia viene quasi sempre sconfitta.

 

Quanto importante è l’autoesame della cute? Se lo fosse come si può procedere?

Un autocontrollo periodico della cute è di fondamentale importanza per la diagnosi precoce di melanoma e va effettuato tra una visita e l’altra con frequenza consigliata dal proprio dermatologo.

Davanti allo specchio si esamina la parte anteriore e posteriore del corpo, aiutandosi con uno specchietto per visualizzare le zone più nascoste. Si piegano i gomiti per controllare gli avambracci su entrambi i lati, si controllano con attenzione le gambe avanti e dietro, le piante e tra le dita.

Si deve controllare anche la zona ano-genitale ed il cuoio capelluto, quest’ultimo possibilmente a capelli bagnati e con l’aiuto di un pettine.

Dopo ogni esplorazione, se si hanno dubbi, è opportuno consultare tempestivamente il dermatologo.

Molto importante per una diagnosi precoce è la dermatoscopia, che tipo di esame è?

È una metodica rapida e non invasiva, utilizzata dal dermatologo per il controllo dei nevi, che fornisce valide informazioni sullo studio di lesioni melanocitarie e non melanocitarie, permettendo l’osservazione in vivo di caratteri morfologici strutturali superficiali della cute altrimenti non apprezzabili.

Può essere effettuata con il dermatoscopio manuale o mediante videodermatoscopia. L’osservazione delle caratteristiche dermatoscopiche permette al dermatologo di inquadrare il profilo nevico del paziente e di valutare il grado di tranquillità di ogni singolo nevo.

 

Quali sono i fattori di rischio del melanoma?

I più importanti fattori di rischio per il melanoma sono:

  • Familiarità per melanoma;
  • Storia personale di melanoma;
  • Numerosi nevi melanocitari e/o clinicamente atipici;
  • Grandi nevi melanocitari congeniti;
  • Pregresse scottature solari specialmente in età infantile;
  • Fototipo I-II secondo Fitzpatrick (carnagione chiara, occhi chiari, difficoltà ad abbronzarsi);
  • Utilizzo di lettini solari.

Quali sono i trattamenti più efficaci?

Il melanoma è un tumore molto aggressivo, ma ha il vantaggio di essere immediatamente visibile e diagnosticabile.

La terapia di prima scelta è la chirurgia che spesso riesce a curare definitivamente il melanoma in fase iniziale.

Chemioterapia in genere e farmaci immunoterapici si utilizzano negli stadi più avanzati e metastatici.

Sono comunque in fase di studio nuovi farmaci che hanno consentito di osservare vantaggi in termini di sopravvivenza.

Facebook
Twitter
LinkedIn

Richiedi maggiori informazioni oppure prenota una visita

Resta aggiornato!

Non perderti le ultime novità e promozioni del centro

Privacy Policy

Iscrizione avvenuta con successo!